Uno zoppo alla mensa del re